Fregona

Cortina,no a centrali-idro su Bigontina

Il sestiere cortinese di Alverà, che nell'agosto 2017 fu semistrutto dalla frana che causò l'esondazione del torrente Bigontina, 'insorge' contro l'ipotesi di due nuove centraline idroelettriche lungo l'alveo del corso d'acqua. In un'istanza inoltrata al Presidente della Regione, Zaia, a quello della Provincia di Belluno e al sindaco di Cortina, una quarantina di cittadini residenti nell'area interessata dalle frane dell'estate 2017 - nel disastro vi fu anche una vittima - chiedono la sospensione dell' dei progetti per le centraline idroelettriche sul corso del Bigontina. "Come dimostrato dagli eventi di questa estate - scrivono - il torrente è pericoloso, anche perchè alimentato dall'affluente Rio Gere, interessato da piene improvvise con rilasci di detriti che si staccano dal Monte Cristallo, per poi depositarsi in località Alverà". Nell'intento "di salvaguardare la pubblica incolumità". gli abitanti di Alverà chiedono a Regione e Provincia di "sospendere definitivamente l'iter dei due progetti".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie